sabato 2 marzo 2013

The Best of... gennaio & febbraio

Ovvero il post con i miei preferiti, ma in edizione bimestrale, poiché lo scorso mese non sono riuscita a scriverne uno in tempo utile.
Quindi beccatevi questa compilation e poi fatemi sapere le vostre opinioni e consigli.


  • Soluzione Micellare Sensibio H2O di Bioderma - (aka struccante per la sottoscritta) che come vi dice l'azienda sul sito ufficiale è il preferito dalle bloggers di tutto il mondo, potevo dunque io esimermi? Scherzi a parte oltre a questo appunto, qui troverete ben elencate alcune delle sue caratteristiche e peculiarità che lo rendono così speciale, ma quello che amo io in particolare di questo detergente è il fatto che non ha bisogno di risciacquo. Nella mia routine questo aspetto ha un peso decisivo perché io mi trucco principalmente la sera, e in questa occasione so quando esco, ma non so quando torno, l'unica certezza è che il 90% delle volte l'ora del rientro sarà tarda, per usare un eufemismo. Vi assicuro che all'alba la priorità è recuperare più ore di sonno possibili senza sprecare neanche un minuto e sciacquarsi il viso con l'acqua sinceramente non aiuta per nulla. Io però ho una vera e propria fissazione per il risciacquo, ne sento proprio la necessità impellente sempre e comunque. Finché non ho provato Sensibio. La sensazione di pulizia e di freschezza e a dir poco estrema e non fa assolutamente rimpiangere l'acqua, anzi la detersione è talmente ottimale che io dopo sul viso applico anche la crema idratante, proprio come farei se mi fossi lavata normalmente. Provare per credere.




  • Django - ovvero Django Unchained di Quentin Tarantino e Sukiyaki Western Django di Miike Takashi. Probabilmente alcune di voi l'avevano già intuito quando ho scritto un post dedicato a questi due film, ma non temete, per il vostro bene non voglio ripetermi. In caso a qualcuno interessasse il succitato post, può trovarlo qui!


  • Castaway on the Moon - di nuovo un film e di nuovo asiatico, questa volta coreano, ma non uno qualunque: la pellicola diretta da Lee Hey-jun è stato presentata al Far East Film Festival di Udine dove ha vinto il premio principale. Purtroppo per un motivo o per un altro non sono riuscita a procurarmelo prima per vie traverse e quindi l'ho visto solo a gennaio, quando per la prima volta è stato trasmesso in tv in Italia. Mi è piaciuto tantissimo,  altrimenti non sarei qui a parlarne no? La storia è quella di un uomo che decide di farla finita, ma il suo goffo tentativo di suicidio lo porterà a naufragare su una stranissima isoletta. Nonostante ciò riuscirà a fare un incontro che probabilmente gli cambierà la vita. Mi tengo sul vago con la trama come al solito, quello che dovete sapere è che questo film, dove la speranza è legata ad un filo, anzi ad uno spaghetto, altro non è che una bellissima fiaba contemporanea di due solitudini che si raggiungono l'un l'altra e si sfiorano per un lungo ed intensissimo attimo. Quella a cui si assiste è la storia di due fughe dal mondo, che convergono in un sentiero fatto di speranza, ma soprattutto di ricerca, per riscoprire una ragione per alzarsi al mattino e per dormire a notte, qualcosa per ricominciare a vivere dopo che si è perso tutto. Castaway on the Moon fa sorridere e commuove nella giusta misura, riesce a trascinare senza mai eccedere e non è mai pesante. E' un film riuscitissimo, davvero molto particolare, che narra qualcosa di speciale e lo fa con un grandissimo equilibrio.






  • Nessun dove (Neverwhere di Neil Gaiman) - Ed in conclusione un libro, ma prima di entrare nel vivo vorrei spendere due paroline sull'autore. Neil Gaiman è un grandissimo artista, versatile e prolifico come pochi, creatore di mondi, spazi e pantheon senza precedenti. Ma non è solo questo, come ho potuto osservare negli ultimi anni, Gaiman è senza dubbio un grandissimo comunicatore, che ama confrontarsi con i lettori attraverso canali moderni e alla portata di tutti come Tumblr e Twitter. Promotore di splendide iniziative, quest'uomo è in grado di raccontare sé stesso al di là delle sue opere, e lo fa accettando le critiche, rispondendo a domande e elargendo consigli. Il progetto Nessun dove non nasce originariamente come libro, questo infetti è il titolo di uno sceneggiato della BBC che affidò il compito di scrivere la sceneggiatura a Gaiman. Ma lo scrittore non si è sentito pienamente soddisfatto a causa dei tagli e dei cambiamenti apportati alla sua opera per necessità di produzione etc. Ed ecco che quindi Neil Gaiman decide di riappropriarsi della sua storia per raccontarla alla sua maniera e senza limitazioni in un libro. Per la trama approfitterò di Wikipedia (questa volta non c'entra nulla la mia pigrizia ma la colpa è di una tremenda emicrania martellante e dei primi sentori dell'allergia al polline) e la riporterò in fondo. Chiedo venia, e mi appello alla vostra benevolenza. Di solito non leggo storie fantastiche, ma quelle di Gaiman sono uniche, diverse e questo libro lo ho fatto fuori in una manciata di giorni, una volta che ci si ambienta è impossibile resistere e non venire trascinati nelle avventure dei due protagonisti, sempre affiancati da un caleidoscopio di personaggi assurdi.                                                   "La storia è quella di un giovane inglese comune, così comune da non avere nulla di speciale, se non qualche piccola bizzarria vagamente kitch, come la mania di collezionare piccoli troll di plastica dai capelli fluorescenti. Il suo nome è Richard Mayhew e all'inizio del romanzo sta per trasferirsi a Londra, dalla periferia alla metropoli, per cominciare la sua vita adulta, lavorare, farsi strada nel mondo reale.
    Quello che invece troverà a Londra è una rivelazione.
    Grazie ad una coincidenza, l'incontro con una ragazza ferita e esausta per la strada, Richard scopre l'esistenza di un mondo parallelo, popolato e plasmato da tutti coloro che vivono ai margini, gli invisibili, i pazzi, quelli che la gente tende a ignorare.
    Al seguito della giovane ferita, che in realtà è Lady Porta in fuga da due cacciatori ridicoli e terrificanti, Richard finirà in una tana del bianconiglio straordinariamente profonda, alla scoperta di Londra Sotto, la Londra sotterranea, per cercare - attraverso prove e inganni, e con l'aiuto di bizzarri personaggi - chi ha ordinato (e perché) la morte della famiglia di Porta."


Ultimamente non sono molto presente, qui sul mio blog e purtroppo anche sui vostri, mi manca tanto scrivere e leggervi! Il tempo è tiranno, gli impegni peggio ancora e la salute... meglio non parlarne. Ma sono ottimista e spero di riuscire a tornare ad aggiornare con un ritmo più sostenuto già dalla settimana prossima. Intanto vi mando un bacione grosso!









22 commenti:

  1. la bioderma ormai è indispensabile per me!
    10 minuti sui ceci per me che ancora non ho visto Django ç___ç devo rimediare!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sensibio causa forte dipendenza! Ora che l'ho scoperto non ne voglio proprio sapere di provarne altri!
      Rimedia rimedia! Vedrai che merita ;)

      Baci
      Sarah

      Elimina
  2. ciao! ho appena scoperto il tuo blog e sono rimasta affascinata dal racconto di Castaway on the moon. ad essere sincera è un film di cui non ho mai sentito parlare, ma le tue parole mi spingono ad andare a vederlo..Tarantino invece l'ho visto anche io e mi è piaciuto tantissimo!
    Spero che i tuoi problemi di salute siano legati alla stagione e che tornerai presto, io intanto mi sono aggiunta ai tuoi followers, quando e se ne avrai piacere vieni a trovarmi sul mio blog!^^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille, mi fanno davvero tantissimo piacere le tue parole. Non è un film conosciuto da noi perché nonostante la vittoria al festival non è stato distribuito nei nostri cinema e finora non era stato passato neanche in tv. Ma è molto bello, nonostante sia un po' insolito e meriterebbe di sicuro più fama ^_^
      Che carina che sei ♡ non è niente di grave, solo il cambio di stagione che mi butta sempre giù e allergia! Ma l'importante è reagire. Ora vado a fare un po' di shopping domenicale, ma stasera passo a trovarti di sicuro!

      Baci
      Sarah

      Elimina
    2. Grazie per essere passata^^ spero che tu abbia fatto un pò di sano shopping che di sicuro rimette in sesto da tutti i malanni ;) un bacio!

      Elimina
    3. Grazie a te cara ^_^
      Ho preso solo una cosina in realtà... diciamo che sono in avanscoperta per lo shopping semi estivo :P

      Baci
      Sarah

      Elimina
  3. Anch'io sto per convertirmi all'acqua micellare e prenderò di sicuro la Sensibio, ne parlano troppo bene! Ho il solo timore che, avendo la pelle delicata, lo sfregamento del dischetto di cotone la faccia irritare... Hai consigli? ciao, gaia (Biancaneve makeup)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io la pelle molto delicata e soggetta ad irritazioni, ma non ho avuto alcun tipo di problema col Sensibio, più che altro perché non ho mai avuto la necessità di sfregare o strofinare,a parte un minimo per il mascara. Poi ovviamente dipende dal tipo di trucco e anche da pelle a pelle, dato che due uguali non ne esistono, però fossi in te una chance proverei a dargliela.

      Baci
      Sarah

      Elimina
  4. Devo provare l'acqua di bioderma:) baci

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io mi ci trovo davvero bene vorrei averla provata prima!

      Baci
      Sarah

      Elimina
  5. Ho visto Django e mi è piaciuto, un bel film in perfetto stile Tarantino! sai che avrei giurato di aver commentato la tua recensione a riguardo? E invece forse ho letto e poi mi sono dimenticata :/

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Succede un sacco di volte anche a me xD E non solo: a volte faccio le cose e resto convinta di non averle fatte!

      Baci
      Sarah

      Elimina
  6. Oddio mi sento una cattivona..io sto finendo a fatica la soluzione micellare bioderma per pelli miste e la sto per bocciare..costosa e non strucca bene..Ma forse questa è diversa e funziona...magari la proverò :) grazie Eli

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahaha no tranquilla, puoi sentirti a posto con la coscienza ;) Di quella per pelli miste ho sentito parlare malissimo, ma non tanto perché non strucca, ma proprio perché non è adatta, secca ed irrita. Ecco perché io ho provato direttamente questa (che secondo me comunque è già un po' astringente), pur avendo la pelle mista.

      Baci
      Sarah

      Elimina
  7. ci son parecchie review contrastanti riguardandi l'acqua micellare....chissà un giorno la proveremo anche noi! ahahah

    Siamo diventate tue nuove followers...se vuoi passa da noi! ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie di cuore ♡
      Ora vengo subito a trovarvi ^_^

      Baci
      Sarah

      Elimina
  8. da provare!

    http://satisfashiontheblog.blogspot.it

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beh io suggerisco, poi sta a voi ;)
      Grazie per essere passata ^_^

      Baci
      Sarah

      Elimina
  9. Mamma mia Django..film stupendo ma sinceramente non adatto ai più sensibili! A me è venuta la nausea solo a vedere certe scene. Non per le torture o la violenza in sè, ma più che altro a pensare che il genere umano è capace di queste cose. Non che prima non lo sapessi, chiaro, ma vederlo mi ha davvero impressionata!

    Nuova follower^^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai perfettamente ragione! Alle immagini è facile assuefarsi, ma è il messaggio che veicolano ad essere disturbante, ti costringe a fare i conti con realtà molto scomode.
      Grazie mille cara, passo subito da te ;)

      Baci
      Sarah

      Elimina
  10. Ti invito a visitare il mio Tequila on the Rocks e sopratutto a partecipare al mio nuovo KENZO'S GIVEAWAY ! hai la possibilità di vincere l'iconica felpa con la tigre di Kenzo!!

    Chantal

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lascio la possibilità a qualcuna più fortunata di me che è meglio =D

      Baci
      Sarah

      Elimina